#leggiirresponsabilmente

Di Renzo Editore

Abbiamo la scienza nel DNA

Bologna, torna in presenza la fiera del libro per bambini

18 Marzo 2022

Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia da Covid-19, anche la Children’s Book Fair di Bologna torna in presenza. Alla soglia dei 60 anni la fiera raccoglierà, dal 21 al 24 marzo, tutti i professionisti che operano nell’editoria per bambini e ragazzi per discutere tematiche e tendenze, scambiare diritti d’autore e confrontarsi sulle innovazioni e sul futuro di questo settore.

Come altre manifestazioni di questo tipo, anche la fiera di Bologna è stata bloccata per due anni (2020 e 2021) dalle esigenze imposte dall’emergenza sanitaria conseguente alla pandemia di Covid-19.

Una pausa di “riflessione”, incentrata su incontri virtuali, che è stata anche però l’occasione per ripensare le modalità e gli strumenti a disposizione nell’ambito dell’editoria per ragazzi. Il dialogo e lo scambio sui temi dei libri destinati ai giovani lettori è dunque continuato su social e piattaforme, ma nonostante i fruttuosi risultati, la voglia di incontrarsi dal vivo è rimasta più forte che mai. E infatti, secondo gli organizzatori, quest’anni la fiera fa segnare numeri da record, con oltre 1.000 espositori provenienti da oltre 85 paesi e regioni del mondo.

Edizione 2022, novità e iniziative

L’edizione di quest’anno si presenta ricca di novità, scaturite proprio dalle riflessioni innescate dalla pandemia and dalla generale crisi che ha investito il settore. Tra queste spicca la seconda edizione di BolognaBookPlus, una manifestazione che estende la fiera di Bologna dai libri per ragazzi all’editoria generalista. L’iniziativa è rivolta a un pubblico di professionisti e avrà a disposizione una propria area espositiva con mostre, seminari e conferenze dedicati al diritto d’autore e di traduzione, alla vendita dei diritti e alle attività dell’agente letterario.

Una giornata intera sarà invece dedicata al self-publishing, una tendenza che si va affermando sempre di più, grazie alla presenza di portali e piattaforme (Amazon incluso) che consentono agli aspiranti scrittori di creare, stampare e vendere le proprie opere.

L’evento si propone di offrire guida, consigli e informazioni per intraprendere questo percorso, che attira un pubblico sempre più ampio e sta creando interessanti connessioni con l’editoria più tradizionale. Non è raro infatti che gli autori che si fanno conoscere attraverso questo canale, vengano notati dalle case editrici, approdando addirittura sui mercati internazionali.

Altre interessanti iniziative riguardano invece la veste grafica dei libri: un seminario sulle copertine più belle e innovative; una mostra con le diverse copertina internazionali di uno stesso volume, per esplorarne le diverse interpretazioni e comprendere le esigenze dei mercati nel mondo; e infine le copertine più belle pubblicate in sei paesi.

In tal modo, la fiera intende dedicare spazio al design e all’illustrazione – così importanti nell’editoria per bambini e ragazzi – che stanno diventando una voce sempre più presente nel lavoro dell’editore.

BolognaRagazzi CrossMedia Award

L’evento più interessante resta il CrossMedia Award, un premio istituito lo scorso anno per riconoscere i meriti di altri mezzi di accesso alle storie da parte dei più giovani. Il premio intende infatti dare evidenza e risalto ai progetti editoriali che espandono l’universo narrativo dal libro verso altri fronti (cinema, televisione, videogiochi, dispositivi mobili) e viceversa.

Il vincitore di quest’anno ha avuto il merito di trasportare la poesie di grandi autori dalle pagine di un libro per ragazzi a 50 corti animati, realizzati da giovani diplomati in animazione. Un progetto dei giovani per i giovani. Una menzione speciale è andata inoltre all’uso del podcast, dell’interattività su schermo, delle app e in generale dei contenuti multimediali come mezzi per espandere i libri per ragazzi ad altre realtà narrative.

Foto di Victoria_Borodinova da Pixabay