All’età di 89 anni, Sir Michael Francis Atiyah dichiara di aver dimostrato la congettura di Riemann

Pubblicato il

Formulata per la prima volta nel 1859 dal matematico e fisico tedesco Bernhard Riemann, l’omonima ipotesi è considerata il più affascinante problema aperto della matematica.

Oggi, dopo 160 anni, il matematico Sir Michael Francis Atiyah – già presidente della London Mathematical Society, della Royal Society e della Royal Society di Edimburgo, nonché vincitore della medaglia Fields e del Premio Abel – ha dichiarato di aver scoperto una “semplice dimostrazione” della congettura di Reimann ed è pronto a presentarla nell’ambito di una conferenza che si terrà proprio oggi – 24 settembre 2018 – all’Heidelberg Laureate Forum in Germania, il convegno delle “rock star” della matematica.

Siamo tutti matematiciIntimamente collegata ai numeri primi (ossia i numeri divisibili soltanto per se stessi e per uno), la congettura di Reimann, qualora effettivamente dimostrata, fornirebbe una sorta di mappa matematica di tutti i numeri primi, dal più piccolo all’infinitamente grande (che i numeri primi siano infiniti l’aveva già supposto Euclide).

Il che significherebbe un enorme passo avanti nella scienza computeristica e nella crittografia: Turing ha costruito il suo primo computer su 10 miliardi di numeri primi, immaginate cosa determinerebbe a livello di logaritmi un valore infinito di numeri primi.

In molti, finora, si sono cimentati nel tentativo di dimostrare questa congettura, ma senza riscontro.

Atiyah è ben consapevole di questa storia di insuccessi: “Nessuno crede alla prova dell’ipotesi di Riemann, soprattutto se a dimostrarla è qualcuno che ha quasi 90 anni”. Nel farlo, Atiyah si è basato sul lavoro di due grandi matematici del XX secolo: John von Neumann e Friedrich Hirzebruch. “Si può dire che la prova mi è caduta sulle ginocchia, ho dovuto per forza prenderla”, afferma il matematico inglese.

“In genere i matematici danno il meglio prima dei 40 anni”, dice Atiyah, “Io sto cercando di dimostrare che si può ancora avere qualcosa da dire anche a 90 anni”.

LINK alla Congettura di Reimann: