#leggiirresponsabilmente

Di Renzo Editore

Abbiamo la scienza nel DNA

All’età di 89 anni, Sir Michael Francis Atiyah dichiara di aver dimostrato la congettura di Riemann

24 Settembre 2018

Formulata per la prima volta nel 1859 dal matematico e fisico tedesco Bernhard Riemann, l’omonima ipotesi è considerata il più affascinante problema aperto della matematica.

Oggi, dopo 160 anni, il matematico Sir Michael Francis Atiyah – già presidente della London Mathematical Society, della Royal Society e della Royal Society di Edimburgo, nonché vincitore della medaglia Fields e del Premio Abel – ha dichiarato di aver scoperto una “semplice dimostrazione” della congettura di Reimann ed è pronto a presentarla nell’ambito di una conferenza che si terrà proprio oggi – 24 settembre 2018 – all’Heidelberg Laureate Forum in Germania, il convegno delle “rock star” della matematica.

Siamo tutti matematiciIntimamente collegata ai numeri primi (ossia i numeri divisibili soltanto per se stessi e per uno), la congettura di Reimann, qualora effettivamente dimostrata, fornirebbe una sorta di mappa matematica di tutti i numeri primi, dal più piccolo all’infinitamente grande (che i numeri primi siano infiniti l’aveva già supposto Euclide).

Il che significherebbe un enorme passo avanti nella scienza computeristica e nella crittografia: Turing ha costruito il suo primo computer su 10 miliardi di numeri primi, immaginate cosa determinerebbe a livello di logaritmi un valore infinito di numeri primi.

In molti, finora, si sono cimentati nel tentativo di dimostrare questa congettura, ma senza riscontro.

Atiyah è ben consapevole di questa storia di insuccessi: “Nessuno crede alla prova dell’ipotesi di Riemann, soprattutto se a dimostrarla è qualcuno che ha quasi 90 anni”. Nel farlo, Atiyah si è basato sul lavoro di due grandi matematici del XX secolo: John von Neumann e Friedrich Hirzebruch. “Si può dire che la prova mi è caduta sulle ginocchia, ho dovuto per forza prenderla”, afferma il matematico inglese.

“In genere i matematici danno il meglio prima dei 40 anni”, dice Atiyah, “Io sto cercando di dimostrare che si può ancora avere qualcosa da dire anche a 90 anni”.

LINK alla Congettura di Reimann: