Separazione, divorzio e bambini. Come affrontarli?

Pubblicato il
Aiutare i bambini durante la separazione

Non ho la pretesa di essere un’autorità in materia di separazione e di custodia dei figli nella scena italiana. Tuttavia, per quanto riguarda gli Stati Uniti – dove ormai da decenni il divorzio è legale e le battaglie per la custodia dei figli vengono combattute da anni – ho una notevole esperienza in questo campo e su questi terribili problemi.

La mia esperienza, conseguita in 35 anni di psichiatria clinica e forense, ha portato alla pubblicazione di numerosi articoli e quattro libri, tutti incentrati sullo stesso argomento. Diversi anni fa ha portato anche alla pubblicazione della traduzione italiana di un testo divulgativo che avevo scritto per un pubblico più vasto, diversamente da altri lavori destinati agli avvocati e ai professionisti che operano nel campo della salute mentale. In Italia Tempo di qualità ha ricevuto una buona accoglienza ed è diventato un punto di riferimento per molti professionisti di questo settore.

Da allora, la legislazione e le procedure per le cause di affidamento hanno subito, in America, numerose modifiche – in meglio, qualche volta, ma occasionalmente anche in peggio. Qualunque paese che studi l’esperienza americana deve riconoscere e guardarsi da qualunque alterazione che possa peggiorare una situazione già terribile.

Ci si augura, d’altro canto, che gli aspetti utili e costruttivi della pratica decisionale sull’affidamento possono essere utilizzati al meglio in paesi come l’Italia. Il vostro paese inizia a soffrire di un marcato in aumento nei divorzi e nelle separazioni, e pertanto assisterà ai problemi connessi all’affidamento dei bambini nelle famiglie in procinto di rompersi. Sono riuscito ad ottenere qualche statistica recente sui divorzi e le separazioni, e le ho prese a riferimento nella revisione di questo testo. L’aumento dei tassi di divorzio è allarmante, più per gli effetti che possono avere sui figli che per quelli sulle copie che si separano.

La mia speranza è che i lettori italiani di questo libro considerino le difficoltà che colpiscono gli adulti che divorziano o si separano, e ancora di più ne riconoscano gli effetti sui figli. Quegli effetti sono gli stessi in tutto il mondo. I problemi che colpiscono i figli del divorzio in America colpiscono anche quelli italiani, esattamente allo stesso modo.

Se i genitori italiani iniziano una battaglia legale per la custodia dei figli, questi saranno ancor più danneggiati, proprio come succede negli Stati Uniti. Mi auguro che questo libro insegni ai genitori italiani i pericoli della separazione, e che questo li spinga a raggiungere una decisione concorde e ragionevole sui loro figli. In questo modo la vita di questi bambini sarà più semplice e si permetterà loro di riprendersi più in fretta e con maggiore facilità dal trauma della separazione dei loro genitori.

Spero che conoscere l’esperienza americana con queste tragedie familiari  permetterà ai lettori italiani di evitare alcuni dei disastrosi errori commessi da alcune coppie americane – e anche dagli avvocati e dai giudici – a discapito dei bambini e dei loro genitori. Quando le famiglie si rompono, i bambini soffrono sempre. Spero che la loro sofferenza possa almeno essere alleviata, avendo i loro genitori imparato dalle esperienze degli altri.  E spero che in questo modo anche le sofferenze dei genitori possono essere alleviate.

Dalla prefazione di Tempo di qualità