Ho trovato la ricetta dell’eterna giovinezza!

Pubblicato il

A 90 anni l’etnologo Desmond Morris lavora fino alle 4 del mattino e s’interessa a qualsiasi cosa, dal reality Tv “Love Island” ai video pornografici. Qual è il suo segreto?

Quando aveva 20 anni, Desmond Morris si era convinto – dopo aver esaminato l’anamnesi medica dei suoi antenati – che sarebbe arrivato soltanto fino a 61 e mezzo. Così si mise a lavorare come un posseduto, macinando libri e quadri (è anche un pittore surrealista!). Ha prodotto centinaia di ore di televisione, presentando il suo show di zoologia alla BBC.

Nel 1967, in sole 4 settimane scrisse il suo “La scimmia nuda”, un bestseller sul comportamento dell’animale umano che rivelava al mondo, per la prima volta, il linguaggio del corpo. Così è diventato incredibilmente ricco (ha venduto oltre 20 milioni di copie!) e con la moglie Ramona si è trasferito a vivere in una casa di 27 stanze, ha comprato due Rolls-Royce e uno yatch.

Da allora Desmond è tornato a Oxford, dove ha scritto una serie di libri, dalla storia delle razze canine all’arte dell’antica Cipro, oltre ad aver viaggiato in 107 differenti paesi e condotto innumerevoli trasmissioni Tv.

Quando ha raggiunto i 76 anni, ha dichiarato che gliene rimanevano ancora 4 da vivere, perché qualsiasi attività creativa è destinata ad esaurirsi entro gli 80 anni. Adesso che ne ha 90, e dice che è molto impegnato con i reality e il femminismo (si dichiara un femminista!). Sostiene che i politici dovrebbero essere soltanto donne, perché “se ci metti di mezzo l’ego maschile non può che scoppiare una guerra!”

Ogni notte lavora ai suoi libri dalle 10 alle 4: “Il mio cervello lavora meglio di notte. Non so neanche cosa sia un fine settimana, sono almeno 20 anni che non me ne concedo uno”. Dorme fino all’ora di pranzo, poi si occupa di Ramona, con la quale è sposato da 66 anni e che adesso è costretta a letto da una grave forma di artrite. Lui trascorre metà dell’anno dipingendo e l’altra metà scrivendo: “Ho almeno 30.000 parole da scrivere entro agosto. Devo darmi da fare!”, dichiara sorridente.

Amante della solitudine, “ma non sono mai stato veramente solo”, ha perso il padre durante la Prima Guerra Mondiale, quando aveva soltanto 14 anni, cosa che probabilmente ha contribuito al suo precoce cinismo: già a scuola diceva che l’uomo è soltanto “una scimmia con un cervello malato”.

Oggi la sua visione dell’uomo è più benigna, anche se continua a sostenere che siamo una specie incapace di prendersi cura di se stessa, “perché lo stress prende il sopravvento sul sistema immunitario”.

Il segreto della sua eterna giovinezza è in un cervello che non si ferma mai: “Non ho mai smesso di farmi domande: più domande ti fai, più le tue connessioni neuronali continuano a crescere”.

Oggi giorno assistiamo a una progressiva decrescita delle medie di QI (quoziente intellettivo), secondo Morris in ragione del fatto che facciamo troppe attività “passive”, ossia che non ci costringono a pensare.

Nella casa di Desmond Morris oggi ci sono più di 11.000 libri. Dice di essersi ammalato di “neofilia”: uno sconfinato amore per le novità!

E adesso che ha 90 anni, si dice sicuro di non averne più di due o tre ancora a disposizione… Per fortuna le previsioni non sono il suo forte.

Estratto da: Jane Fryer per il “Daily Mail

Foto da: http://www.gahetna.nl