La nuova via della seta tra scienza, politica ed economia: Lucia Votano tra i relatori della XII edizione dell’EY CAPRI DIGITAL SUMMIT.

La rivoluzione della Conoscenza parte dalla Cina e mai come ora è fondamentale programmare ricerche competitive e d’avanguardia, per non essere tagliati fuori dal futuro. La sfida tra Oriente e Occidente non si combatte solo sul piano dell’economia; anche la scienza avrà un ruolo primario nei nuovi assetti geopolitici. Less artificial, more intelligent, always human.

Venerdì 4 ottobre 2019 alle ore 15.35 presso il Grand Hotel Quisisana – Via Camerelle 2, a Capri – Lucia Votano (“La via della seta. La fisica da Enrico Fermi alla Cina”, Di Renzo Editore, 2018) insieme a Manoj Juneja – CFO, World Food Program – parlerà dell’avanzata del gigante cinese nel campo della ricerca e dell’economia occidentale, nonché delle possibili strategie e contromisure. Modera l’incontro Riccardo Luna, giornalista.

Europa, Stati Uniti, Cina, Paesi emergenti e nuovi equilibri. Quale sarà il futuro ordine mondiale in cui opereremo? Sarà possibile assicurare un futuro a tutti? L’innovazione è realmente un’alleata della prosperità? Geopolitica, innovazione, tecnologia e persone. Con un investimento in ricerca e tecnologia pari al 40% del PIL, la Cina si ripromette – entro il 2025 – di superare gli Stati Uniti e guadagnare il primo posto nella sperimentazione scientifica.

Si tratta di un traguardo storico, che minaccia di scalzare il primato di istituzioni come il CERN di Ginevra, i Laboratori DESY di Amburgo, i Laboratori del Gran Sasso e il Fermi Lab di Chicago, finora riferimenti internazionali nella fisica della materia e nucleare, ma con investimenti pari ad appena il 2,2% del PIL nazionale. Da sempre modello di una pacifica collaborazione tra Stati, la scienza potrebbe presto stravolgere gli equilibri politici ed economici internazionali, con una supremazia di lingua cinese.

Conferenze, whorkshop, incontri con il pubblico. Un’agenda ricca di eventi quella dell’EY Capri Digital Summit, a Capri dal 4 al 6 ottobre 2019, che prevede l’intervento di speaker e manager nazionali e internazionali sui temi di maggiore attualità per il futuro delle aziende.

Lucia Votano, prima donna a dirigere i prestigiosi Laboratori Nazionali del Gran Sasso (a tutt’oggi il più grande laboratorio sotterraneo del mondo, con oltre 100 collaborazioni internazionali), è fisico e dirigente di ricerca dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Ha lavorato presso i laboratori DESY di Amburgo e il CERN di Ginevra e si dedica da sempre alla divulgazione scientifica.

Tra i protagonisti della scoperta, in modo diretto, delle oscillazioni dei neutrini con l’esperimento OPERA, è attualmente impegnata con l’équipe europea nella progettazione e costruzione dell’esperimento Jiangmen Underground Neutrino Observatory (JUNO), in Cina. Esperimento che promette nuove e risolutive scoperte nell’ambito della materia e dell’energia oscura.