Incontro con Giordano Bruno

Il Dio dei Geometri

L’incontro con Giordano Bruno del matematico salernitano Fabrizio Mordente avvenne nel 1585. Si tratta di una vicenda che ha spunti di interesse e che finora è stata trascurata, nonostante la scoperta dei nuovi dialoghi e di documenti inediti che hanno contribuito a fare chiarezza.

Gli scritti sono in larga parte di contenuto matematico e consentono di comprendere alcuni aspetti della personalità e del pensiero di Bruno, mettendo in evidenza le qualità morali e intellettuali che caratterizzano l’intera tormentata esistenza del filosofo. Guido del Giudice, medico e filosofo napoletano, ha curato il volume «Il Dio dei Geometri». In esso troviamo quattro dialoghi: Mordente, Il compasso di Mordente con II sogno, L’idiota trionfante, L’interpretazione del sogno.

La storia dei rapporti tra G. Bruno e F. Mordente – che secondo le cronache avrebbe ideato il compasso – è stata chiarita solo in tempi relativamente recenti. Nelle biografie consuete si fanno pochi cenni alla vicenda; il ritrovamento da parte di Giovanni Aquilecchia, nel 1957, di una coppia di due nuovi dialoghi mordentiani e la segnalazione ed analisi da parte di Frances Yates nel 1951 di brani riguardanti la vicenda hanno contribuito a fare luce sull’intera questione, ben documentata nel volume.

(mgp)
(Nuova Secondaria – 3 – 2009)