Chiavi fondamentali per capire cosa fa il senso di colpa

Pubblicato il
L'arte di colpevolizzare

In questo utile piccolo libro l’autore, psichiatra, psicoanalista e terapeuta di coppia, gestisce la sfida di presentare una semplice e veloce lettura che di solito impiega grandi volumi di psicologia. Fornisce chiavi fondamentali per capire cosa fa il senso di colpa, anche se può non essere del tutto convinto dalle ipotesi di Freud, Melanie Klein e W. Winnicott.

Così diamo la colpa al padre che insegna la sottomissione (il senso di colpa deriva dal mancato rispetto della legge paterna, che in seguito diventa la società). Il senso di colpa materno insegna a sottomettersi all’altro. Essa si basa sul debito d’amore. “La ricerca dell’amore e la paura di perderlo sono potenti molle per colpevolizzare gli altri.”

Essa si manifesta con un bisogno di riconoscimento (ad esempio sociale), che è un sottoprodotto della colpa. “Ciò che rende colpevolizzabili è la necessità di ricevere la stima, l’amore di persone o gruppi.”

Il senso di colpa paterna dice “se mi lasci TI ammazzo”.  Il senso di colpa materna dice: “Se mi lasci MI uccido.” Infine c’è il senso di colpa fraterno che inculca la sottomissione al gruppo.

È importante riconoscere le forme di colpevolizzare, sono di vitale importanza perché strutturano l’individuo, lo rendono capace di amare, di impegnarsi a vivere nella società per conoscere il significato di giustizia e di solidarietà.